Seleziona una pagina

Interiordesign, Camera Da Letto, La Pace

Le immagini hanno potere

 

Quando parliamo di extra alberghiero e microricettività, è molto comune trovare sul web immagini che non valorizzano affatto le strutture ricettive, anzi, quello che vediamo spesso sono immagini che fanno l’esatto contrario, ossia, rendono le strutture meno interessante di quello che sono in realtà.

Purtroppo molti operatori turistici, non si rendono veramente conto del potere di una immagine e non investono in questo aspetto fondamentale del loro business.

Peccato! Perché il servizio fotografico e la composizione delle immagini destinate alla promozione online e offline è uno degli aspetti più importanti nella valorizzazione di una struttura ricettiva.

In ambito ospitalità il primo contatto che un potenziale ospite ha con la struttura di solito è attraverso le immagini pubblicate online. E siccome la prima impressione è quella che conta, una attività dedicata all’ospitalità difficilmente avrà una seconda opportunità di causare una prima buona impressione.

 

La fotografia è il biglietto da visita online di una struttura ricettiva.

 

È uno dei maggiori alleati nella valorizzazione di una attività e serve a risaltare le sue migliore caratteristiche, a suscitare emozioni e l’interessi in chi guarda. E il fatto di non riuscire a causare un impatto positivo nel momento della verità numero uno, significa non avere l’opportunità di arrivare al momento della verità successivo.

Le immagini sono in grado di influenzare le decisioni degli ospiti nel momento di scegliere una struttura ricettiva piuttosto che un’altra.

E in effetti, la più grande paura degli ospiti, in generale, è che la struttura ricettiva scelta non corrisponda alle loro aspettative o che non sia esattamente quello che è stato pubblicizzato online. Ecco perché la fotografia non deve essere uno strumento di vendita ingannevole, utilizzato per truccare un ambiente e creare una immagine che non rappresenta la realtà.

Lo sguardo e l’esperienza del professionista fa tutta la differenza ed è quello che ci vuole per raccontare una storia in grado di emozionare.  Il servizio fotografico professionale rappresenta un valore aggiunto nella promozione di una struttura ricettiva.

 

Naturalmente la fotografia da sola non fa miracoli

 

Bisogna considerare la possibilità di realizzare un restyling degli interni prima ancora di cominciare a scattare le immagini degli ambienti per la promozione online.

Comunque, il servizio fotografico, diversamente da ciò che si possa pensare, non sempre è un servizio costoso, anzi oggigiorno abbiamo delle soluzioni abbastanza accessibili a tutte le tasche.

Nonostante ciò, è perfettamente comprensibile che in alcuni casi, soprattutto se si è all’inizio dell’attività, non si abbia il budget necessario sia al restyling, sia allo svolgimento di un servizio fotografico professionale.

In ogni caso, per cominciare, se hai l’intenzione di occuparti in prima persona del racconto fotografico della tua struttura ricettiva, ricordati soltanto di preparare bene l’ambiente che, con alcuni piccoli accorgimenti, riuscirai a fare un ottimo servizio fotografico in autonomia.

 

Vediamo insieme alcuni consigli per realizzare scatti in grado di catturare l’attenzione.

 

1.Sfrutta la luce naturale

 

La luce è il più grande segreto di una buona fotografia, soprattutto quella naturale, ma siccome non la si può controllare bisogna munirsi di pazienza per aspettare il momento dove l’incidenza luminosa sia ottimale e cogliere l’attimo.

Una buona illuminazione contribuisce immediatamente a migliorare l’attrattività di qualsiasi ambiente. Le persone amano gli spazi luminosi.

Ed ecco un trucco per rendere gli spazi più luminosi nella fotografia degl’interni destinati all’ospitalità, prima di scattare ricordati di accendere tutte le luce della stanza.

Interiordesign, Camera Da Letto, La Pace2.Macchina fotografica o Smartphone? Scegli lo strumento più alla tua portata.

 

Per assicurare la qualità, ovviamente, l’ideale sarebbe utilizzare una reflex, ma non sempre questo è possibile e in questo caso non scartare la possibilità di utilizzare uno smartphone.

Le camere degli smartphone attuali sono in grado di realizzare degli scatti sorprendenti. Da non sottovalutare anche gli accessori che si possono aggiungere alla loro camera per migliorare la qualità della fotografia. Inoltre, non possiamo ignorare l’estrema facilità con cui è possibile realizzare una foto con uno smartphone oggigiorno. Perciò, se conosci bene le funzionalità della camera del tuo smartphone e sai ottimizzare al massimo la qualità delle immagini, perché non utilizzarlo?

Detto ciò, credo che siamo tutti d’accordo che realizzare il racconto fotografico di una struttura ricettiva con uno smartphone, sarebbe comunque una alternativa valida, almeno finché non abbiamo la possibilità di richiedere l’intervento di un fotografo professionista.

Comunque sarebbe raccomandabile l’utilizzo di un sistema di supporto per la macchina o per lo smartphone, come Il treppiede. L’utilizzo di questo strumento è fondamentale per semplificare il lavoro ed evitare di realizzare immagini mosse, sfocate, storte o sgranate.

A questo punto, controlla le impostazioni della macchina o dello smartphone come ISO, diaframma e il tempo di esposizione per ottimizzare le foto, pulisci bene l’obbiettivo e prova a vedere come vengono i primi scatti.

 

3.Cura la qualità, la composizione e ridimensiona le immagini da caricare online

 

Non tutte le immagini sono adatte a tutti i contesti e alcune di loro, soprattutto nella fotografia d’interni, creano confusione e fastidio all’occhio. Perciò sono preferibilmente da evitare, come per esempio, gli scatti con effetto fisheye, ossia, quelle immagini distorte con i bordi arrotondati perché distorcono la percezione dell’immagine, non rendono l’idea di come la stanza è in realtà e quindi non la valorizzano affatto.

Prima di caricare le immagini online è importante controllare sempre il senso, se in orizzontale o in verticale e, una volta concluso il processo di caricamento online, controllare che siano state caricate nel modo giusto. Se necessario ruota le foto prima di caricarle. Sembra un consiglio assurdo, ma sapresti quante immagini orizzontali caricate in verticale e vice e versa si trovano online saresti d’accordo con me che il consiglio non è poi così scontato. Per quanto assurdo accade spesso. Perciò, dedicare un po’ di attenzione in più a questo processo non richiede grosse competenze tecniche e nemmeno troppo tempo. Inoltre, è cosa gradita e apprezzata evitare di procurare a chi guarda, lo sconforto di girare continuamente la testa o il dispositivo utilizzato (smartphone, tablet, computer)  per vedere bene le immagini.

Interiordesign, Camera Da Letto, La PaceLe immagini rappresentano il maggior peso di una pagina web, pertanto è imprescindibile non caricare sul sito della struttura foto troppo pesanti perché rallenterebbero il caricamento del sito, un vero e proprio deterrente che potrebbe indurre il cliente ad abbandonare la navigazione del sito immediatamente.

Sul web ci sono tantissime applicazioni per ridimensionare le immagini che troverai facilmente.

Per quanto riguardano le dimensioni e i diversi format delle immagini, ogni piattaforma ha il suo standard. Quindi bisogna ricordarsi prima della realizzazione, dove andrà caricata una immagine, se sul proprio sito web, sulle OTA o sui social media, per esempio. Le dimensioni indicate sulle principali piattaforme sono le seguenti:

  • Per il sito web: 1024 x 768 pixel
  • Per i post di Facebook e Instagram: 1:1 ovvero 1080 x 1080 pixel
  • Per gli storie di Instagram, Pinterest e Tik Tok: 9:16 ovvero 1080 x 1920 pixel
  • Per YouTube: 16:9 ovvero 2560 x 1440 pixel

 

 

4.Usa il grandangolo con parsimonia, e fai attenzione alla sequenza e quantità dell imagini utilizzate per promuovere la tua struttura

 

Per realizzare una buona fotografia, la prima cosa da fare è mettersi in un angolo della stanza e realizzare uno scatto a grandangolo che renda bende l’idea di come è fata la stanza. Purtroppo nelle foto che vediamo online, molto spesso, dall’inquadratura non si capisce bene la profondità, la prospettiva, come si sviluppa la stanza e così via. Oppure non esiste una minima pianificazione sull’inserimento delle foto in una sequenza coerente. Spesso si caricano le immagini in una sequenza puramente casuale, quando sarebbe meglio se la sequenza fosse pianificata in maniera intenzionale.

Un ottimo esercizio da fare potrebbe essere giustamente quello di provare a realizzare un fotoracconto della struttura evidenziando il tipo di esperienza che l’ospite potrebbe vivere durante il suo soggiorno. Un buon inizio potrebbe essere realizzare gli scatti come in un tour virtuale seguendo il possibile percorso che l’ospite dovrebbe fare per arrivare nella sua camera, ad esempio. Si potrebbe cominciare dal giardino, passando per l’ingresso per poi proseguire per il soggiorno, di seguito entrare nella camera evidenziando il letto al centro della scena come punto focale, per poi continuare con il bagno e concludere la sequenza aggiungendo altre foto della struttura e d’intorni. Ricordati sempre di non cominciare e né finire mai il tuo racconto fotografico con il bagno.

La foto di copertina è il vero biglietto da visita online della struttura , perciò vale la pena darle una particolare attenzione. Sconsigliato, lo ripeto, utilizzare l’immagine del bagno o della facciata del palazzo come foto principale. Meglio puntate sullo scatto più bello che si ha di un giardino ben curato, di un soggiorno luminoso e accogliente o di una camera del letto calda e confortevole, per esempio. Qualsiasi immagine che trasmetta un’emozione impattante, di rilassatezza, confort, svago o spensieratezza.

Interiordesign, Camera Da Letto, La PaceIl novanta percento delle informazioni che arrivano al cervello è di tipo non verbale, ecco una buona ragione per investire non solo nella qualità, ma nella composizione delle immagini. Perciò realizzare almeno un paio di foto emozionali è il modo migliore per coinvolgere e raggiunge il cuore del potenziale cliente. Queste tipologie di foto si basano sulle sensazioni ed emozioni che si desidera far provare ai propri ospiti al momento in cui guardano le immagini.

Per quanto riguarda la quantità, capita spesso di trovare meno  immagini sul sito di una struttura ricettiva di quello che sarebbe sufficiente per convincere un potenziale cliente a procedere con la prenotazione. Oppure capita di trovare lo scatto in più che non ci voleva. Ecco perché, caricare sul web il numero sufficiente di fotografie ben curate e conforme una sequenza intenzionalmente creata per la promozione sarebbe più efficace dal punto di vista del marketing. Questi semplici accorgimenti potrebbero destare più interesse sulla struttura,  invogliare le persone a restare più tempo sul sito web e, naturalmente, aumentare le prenotazioni.

Caricare, invece, un numero troppo ridotto di immagini potrebbe insospettire l’ospite e renderlo insicuro perché potrà, anche se inconsapevolmente, pensare: “Ma chissà cosa mi sta nascondendo?” Oppure potrà chiedersi “Quale sgradevole sorpresa mi riserverà questa struttura se la prenoto?” Quindi le immagini aiutano a rassicurarlo.

 

5.Prova a diversificare gli scatti

 

Se lo scopo è raccontare la storia della struttura sui social media o su un blog, esistono tre tipologie di fotografie che sono ideali per farlo e sono:

  • Il Close up: uno scatto realizzato a distanza ravvicinata per evidenziare un particolare che in un determinato momento si vuole raccontare
  • Il Lifestyle: sono immagini che raccontano, in modo artistico, una semplice azione momentanea. Come il proprio nome dice, queste immagine rappresentano uno stile di vita specifico, la vita nel momento in cui accade, situazioni, eventi, o persone e, che sia chiaro, sempre nel rispetto della privacy delle persone.
  • Still life: la rappresentazione di oggetti inanimati; dare vita a oggetti del quotidiano o mettere in scena l’ambientazione.

 

Una volta realizzato il servizio fotografico e pubblicate le immagini per promuovere la struttura sui diversi canali online, bisogna ricordare di mantenete gli standard offline. L’ospite, com’è giusto che sia, si aspetta di trovare la struttura esattamente come è stata pubblicizzata sul web.

È auspicabile ricordarsi sempre di rifare il servizio fotografico ogni volta che occorrono cambiamenti significativi nella struttura, come ad esempio, una ristrutturazione. E non dimenticare di aggiornare le immagini sempre che necessario in modo da evitare malintesi, incomprensioni o, nei peggiori dei casi, delusioni da parte dell’ospite.

Dedicare più tempo e attenzione alla fotografia significa rendere da struttura più attrattiva, ottenere più prenotazioni e, possibilmente, un  incremento nel tasso di occupazione.

Alla fine, tra tante opzioni online, le persone tenderanno a scegliere quella struttura che riesce più efficacemente a catturare il loro sguardo e conquistare il loro cuore, ossia, quelle più curate nei minimi particolari.

Allora, che ne pensi di cominciare a scattare le tue prime immagini proprio adesso?

Non mi resta che augurarti buon lavoro.

A presto.