Seleziona una pagina

La possibilità di cambiare a piacimento l’aspetto di un’ambiente può rappresentare un tremendo mal di testa se parliamo di ristrutturazione. Ma può essere entusiasmante, se ci permette di esprimere la nostra creatività nel creare un progetto più fluido e semplificato che ci rappresenti a pieno.

Per fortuna esistono alcune alternative per apportare dei cambiamenti allo stesso luogo più volte, in poco tempo, a un costo ridotto e a basso impatto ambientale. Lo possiamo chiamare in tanti modi, ed ecco alcune definizioni:

Redesign: to revise in appearance, function, or content

Fonte : merriam webster 

Relook: a reconsideration or re-examination of something.

Fonte: English Oxford living dictionaries 

Restyling: Rinnovamento del design o del look. Significa rivisitare un qualcosa di esistente per conferirgli un nuovo stile o una nuova funzionalità.È un termine di origine inglese (anche se generalmente non usato in inglese) utilizzato in diversi ambiti con il significato di una rivisitazione di un oggetto esistente senza uno stravolgimento consistente dello stesso. 

Fonte:Wikipedia 

Come vediamo sono tutte parole che richiamano allo stesso concetto, e così come nel proverbio “tutte le vie portano a Roma”, tutti queste parole portano al cambiamento.

Quando parliamo di progettazione d’interni, i termini Relooking, Restyling, Redesign significano tutti esattamente la stessa cosa, ossia rinnovare, un modo semplificato e veloce per trasformare casa utilizzando tecniche specifiche per coordinare arredi, stili ed abbinare colori, tessuti e materiali in modo armonioso. Vuol dire cambiare il look della casa, o semplicemente, riorganizzare un ambiente in poche mosse, che possono essere semplici, indolori, ma pur sempre di effetto.

Ravvivare casa, quindi è perfettamente possibile variando anche soltanto la disposizione degli arredi, senza per forza mettere in atto un grande cantiere e con una, a volte, impegnativa e stressante ristrutturazione.  

Il Relooking è una forma di design, che aiuta a valorizzare la casa e che si propone dunque di sintetizzare funzionalità, estetica ed etica.

In un progetto di ristrutturazione non sempre è possibile realizzare una trasformazione immediata. Con il servizio di consulenza da parte di un interior stylist, è possibile rivoluzionare completamente gli spazi e dare l’aspetto desiderato alla propria casa in maniera semplice, veloce ed economica. Un percorso fatto di creatività, gusto estetico e artigianalità. Una risposta alternativa ad una ristrutturazione di interni vera e propria in grado di garantire ottimi risultati ed evitare questioni burocratiche legate ai permessi necessari da chiedere per la realizzazione di lavori di edilizia. 

Piccole metrature non sono un ostacolo, perché ricavarne spazi è una delle specializzazioni del relooking.

Sia che si tratti di rinnovare e progettare un singolo arredo, piuttosto che intervenire su interi ambienti domestici, commerciali e di lavoro, l’obiettivo è sviluppare un’idea in linea con la personalità ed esigenze di chi li vive che cambiano nel tempo.

Il punto è non solo proporre una consulenza low cost, ma realizzare un bel progetto, con materiali di ottima qualità che possa esser realizzato con costi contenuti!  

Quando parliamo di Relooking e Restyling parliamo inoltre di soluzioni di recupero, riciclo e riuso di materiali ed elementi esistenti. Niente si butta, tutto si trasforma, si rivitalizza, si rivaluta, si rivisita e si ricrea.

Un progetto del genere può coinvolgere, pertanto, anche solo un elemento d’ arredo, ed è possibile cambiar stile” ad un mobile per adattarlo alle proprie esigenze estetiche e funzionali. In questo caso è perfettamente comune realizzare un restyling, ad esempio, in un antico pezzo d’arredo di famiglia di elevato valore sentimentale, oppure un mobile trovato in qualche mercatino, di cui si è innamorati, ma non si sa come valorizzarlo o come farlo integrare al resto dell’arredamento.

Questo è quanto. Interessante vero?

Buon relooking e al prossimo articolo!